Loading...

Svenimento e piercing: guida alla comprensione

Colorati, dalle forpiercing-lingua1me particolari, stravaganti e a volte eccentrici: stiamo parlando dei piercing.

In molti decidono di applicare questi bizzarri gioielli e monili sul proprio corpo, a volte per gioco o semplicemente come forma di conformismo.

La pratica oggi è diventata trasversale e se prima era oggetto di scandalo, è diventata qualcosa esclusivamente di tendenza.

Purtroppo però, ci sono degli imprevisti che possono trasformare un momento tanto atteso in un momento di paura e di panico.

Ciò accade quando, successivamente all’applicazione del piercing, ci si accorge che le forze vengono meno fino a svenire.


Cause di svenimento

Innanzitutto lo svenimento non subentra sempre e ci sono delle cause precise che possono indurre la persona a svenire dopo l’aggiunta di un piercing.

A volte lo svenimento può subentrare perché la persona arriva digiuna all’applicazione; ma anche un basso livello di zuccheri nel sangue può indurre mancamenti. Altre principali cause possono essere lo studio troppo caldo oppure disidratazione.

Cosa succede quando si applica un piercing

Lo svenimento è una sorta di reazione da interruttore che il nostro organismo mette in pratica subito dopo aver subito uno stimolo fisico oppure emotivo. Questa reazione è una sorta di salvavita che il nostro corpo mette in atto per preservare l’attività cardiaca e l’attività dell’intero organismo.

Dovete sapere che ad eventi o situazioni particolari che causano eccitazione o ansia, il corpo risponde producendo adrenalina ed endorfine, le quali entreranno in circolazione nel sangue nel giro di pochi secondi. Il corpo brucia molti zuccheri per la produzione di endorfine e adrenalina e una loro carenza potrebbe provocare improvvisi mancamenti.

Per questo motivo si consiglia sempre di mangiare prima di affrontare un evento come quello dell’applicazione di un piercing, soprattutto se vissuto con troppa euforia ed eccitazione.

Dolore e svenimenti

Il dolore causato dall’applicazione di un piercing è molto soggettivo e bisogna dire che ogni persona presenta differenti soglie di dolore. L’applicazione di un piercing non comporta un dolore tale da provocare svenimenti e quindi, il subentrare di questo imprevisto non è attribuibile ad esso.

Quello che causa lo svenimento è quasi sempre la tensione nervosa, nemica di tutti coloro che vivono con ansia questo evento.

La tensione, soprattutto se prolungata, può causare il restringimento dei vasi periferici.

Solo a lavoro terminato, la persona comincerà a rilassarsi nel vedere infondati i propri timori. Ma è proprio questo il momento più delicato: durante la fase di rilassamento la pressione del sangue – che comincerà a defluire nuovamente nei vasi periferici – si abbassa rapidamente provocando giramenti di testa, improvvisa spossatezza e, in alcuni casi, mancamenti veri e propri.

Appartenete invece alla categoria di persone con una soglia di dolore pari a zero?

Potete farvi prescrivere dal vostro medico di fiducia un buon anestetico che vi aiuterà a mitigare momentaneamente quel fastidio e quel bruciore iniziale.

Naturalmente si consiglia la somministrazione solo in casi eccezionali, considerando che, come abbiamo detto in precedenza, l’applicazione di un piercing comporta dolori esigui e tollerabili.

Ci sono alcuni piercing che possono essere molto invasivi e la procedura di esecuzione potrebbe essere davvero fastidiosa. per questo vi consigliamo di scegliere bene il piercing, le sue dimensioni e la zona dove lo si vuole applicare.

Affidatevi sempre a mani di veri professionisti soprattutto ora che, esplosa la mania del piercing, si spacciano quasi tutti come tali.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mondopiercing.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons