Loading...

Rigetto del piercing all’ombelico: come evitarlo?

piercing ombelico rigettoIl nostro corpo ha tutto un sistema di difese contro gli oggetti e le sostanze che gli sono estranee. È il caso ad esempio delle schegge, che entrate sotto pelle vengono lentamente espulse dal nostro corpo senza alcun intervento da parte nostra. È lo stesso caso di pietrine, sabbia e tante altre componenti che non appartengono al nostro corpo e che vengono da questo espulse senza problemi.

Lo stesso potrebbe avvenire con il piercing, che è pur sempre un gioiello in metallo e quindi un corpo assolutamente estraneo. Ma si può evitare nel caso del foro all’ombelico? Certo che si, basta seguire la nostra guida.

Igiene prima di tutto

Il primo passo per cercare di contenere il rischio di rigetto del piercing all’ombelico è quello di un’igiene perfetta. Il piercing va curato e non serve molto per farlo. Basta procurarsi un po’ di soluzione salina e tenere pulita soprattutto la parte del foro più difficile da raggiungere, quella dove potrebbero accumularsi parti di tessuto e di pelle morta che sono il terreno di coltura per le infezioni batteriche.

Tenere il nostro foro al riparo dalle infezioni e dalla sporcizia è fondamentale per evitare il rigetto.

Il foro? Solo dai professionisti

Il foro entro il quale posizionerete il vostro gioiello deve essere effettuato esclusivamente da professionisti. In caso di piercing amatoriale infatti si corrono due rischi:


  • Il foro non viene effettuato con materiali sterili, causando infezione;
  • Il foro viene effettuato troppo in superficie, aumentando le possibilità che si verifichi un rigetto.

La scelta dei materiali è fondamentale

Per la riuscita del piercing all’ombelico, così come degli altri piercing, è assolutamente fondamentale che si scelgano materiali appropriati per il gioiello che verrà utilizzato. Su tutti vi consigliamo l’acciaio chirurgico e il titanio, materiali inerti che limitano al minimo la possibilità di rigetto.

Per saperne di più sul rigetto potete consultare il nostro speciale, che vi spiega per filo e per segno il perché di questo fenomeno assolutamente naturale, ma che potrebbe trasformare il nostro amato piercing in un vero e proprio incubo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mondopiercing.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons