Loading...

Piercing Surface Decollete: la guida e le foto

piercing-decolleteIl piercing al decollete è molto diffuso soprattutto nel genere femminile, in quanto mette in risalto una delle parti più intriganti del corpo di una donna. Ma come si fa questo piercing? Quali sono i rischi? Nei prossimi paragrafi vi forniremo alcune informazioni molto importanti sul tema.

Come si fa un piercing al decollete?

Per il piercing al petto di solito si effettua la pratica del surface, ossia un piercing che viene inserito attraverso un foro trasversale, invece del classico foro a tunnel che viene utilizzato per i piercing normali.

Il piercer a cui vi siete rivolti per questa pratica effettuerà il foro e inserirà la barra, le cui estremità saranno piegate a 90° per uscire dai fori senza fare pressione verso l’esterno. Praticamente, non sarà possibile muoverla in avanti e indietro come per i piercing classici.

Dove si fa un surface al decollete?

Il surface al petto è uno dei più belli che una donna potrebbe farsi, soprattutto per aggiungere dei “punti luce” nella zona più sexy del suo corpo. Tra i punti specifici in cui si fa un surface, in questo caso, abbiamo sempre più frequentemente i seguenti:

  • Tra i due seni;
  • Sullo sterno.

Anche gli uomini che lo richiedono sono in continuo aumento. Il rischio maggiore di questa pratica è sicuramente il rigetto. Rischio scaturito principalmente dalla stessa tecnica utilizzata per il surface.


Quali sono i motivi principali per cui si consiglia di rinunciare a un surface?

Diversi sono i motivi per cui molti vi consiglieranno di rinunciare a questa pratica. Di seguito vi citiamo i più frequenti:

  • Essendo un piercing superficiale, che viene applicato sulla pelle “piana” è soggetto a urti dolorosi (per questo si applicano dei dischi piatti sulle estremità, e non le classiche palline);
  • Nella maggior parte dei casi (se non addirittura sempre) si avrà un rigetto;
  • Dal rigetto deriverà  una brutta e permanente cicatrice;
  • Visto che il gioiello viene spesso rigettato, lo si può considerare come un piercing “semipermanente“, così come lo è il microdermal (altra procedura spesso utilizzata per queste parti del corpo).

Infine non bisogna mai dimenticare che per qualsiasi pratica che preveda piercing, tatuaggi o surface, bisogna rivolgersi al personale certificato ASL, in quanto solo tale certificazione può garantirci l’utilizzo di prodotti e ambienti sterili, necessari per queste pratiche.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mondopiercing.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons