Loading...

Piercing RIB: la guida completa

piercing-ribPer molti il piercing alla costola rappresenta un abbellimento del corpo, soprattutto se si tratta di una donna, in quanto ne enfatizza le curve. Alcuni scelgono di praticare diversi fori per creare delle geometrie con l’ausilio di un nastro, similmente al piercing corset.

Come si procede per un piercing rib?

La procedura per un piercing alla costola non è molto diversa da quella di altri piercing più comuni. E’ indispensabile che vi rivolgiate a un piercer certificato, in quanto seguirà le norme igieniche stabilite dalla ASL, riducendo così il rischio di infezioni.

L’attrezzatura di cui si servirà lo specialista sarà la seguente:

  • Guanti in lattice;
  • Un pennarello per marcare il punto in cui praticare il foro;
  • Un ago (preferibilmente cannula perché è più adatto per i piercing);
  • Una pinza per piercing con il fermo;
  • Il gioiello che riterrà opportuno inserire.

Quanto costa un piercing alla costola?

Generalmente il prezzo va dai cinquanta ai settanta euro, ma eventuali variazioni dipendono soprattutto dallo studio e dal piercer da cui andremo.

E’ fortemente sconsigliato affidarsi a privati dilettanti per la pratica in questione, perché spesso non usano attrezzatura sterile e l’ambiente non è adatto. E’ meglio risparmiarsi eventuali complicazioni piuttosto che risparmiare qualche decina di euro.


Quali sono i rischi di infezione implicati?

Come per tutte le pratiche di questo genere, il rischio di contrarre un’infezione è abbastanza grave, soprattutto perché il punto in cui si vuole fare questo piercing viene spesso a contatto con indumenti e potrebbe essere soggetto a urti.

Per ridurre il rischio di un’infezione è necessario seguire le regole basilari per la cura dei piercing, soprattutto nei primi periodi. Queste regole ci verranno illustrate adeguatamente dallo specialista, alcune di esse prevedono i seguenti passi:

  • Non cambiare il gioiello prima che la pelle non si sia cicatrizzata del tutto (generalmente occorre poco meno di due mesi, ma il tempo dipende molto dalla zona del piercing);
  • Pulire regolarmente il gioiello con i mezzi che ci consiglierà il piercer;
  • Informare lo specialista nel caso in cui siate allergici a qualche tipo di metallo, in modo tale che possa utilizzare l’attrezzatura più adeguata alle vostre esigenze;
  • Talvolta potrebbe essere necessario applicare delle pomate, ma anche in questo caso sarà lo specialista a indicarci il tipo di crema e la quantità da utilizzare.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mondopiercing.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons