Loading...

Piercing Outer Labia: la guida completa

outer-labia-piercingOuter labia, labia esterne, labia maggiori, sono tutti la stessa cosa? Come si pratica un outer labia piercing? Fa male? Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono i rischi connessi a questa pratica trasgressiva.

Che cos’è l’outer labia? Fa male?

L’outer labia, tra tutti i piercing genitali femminili, è sicuramente il più esterno. Viene fatto un foro proprio sulle grandi labbra della ragazza.

Ovviamente il dolore è soggettivo, ma trattandosi di un tessuto piuttosto morbido, seppur spesso, fa meno male di un piercing come quello all’ombelico e più male degli altri tipi di piercing ai genitali, ad esempio sulle piccole labbra che hanno un tessuto più sottile.

Come si pratica un outer labia piercing?

La pratica di questo piercing è molto simile a quella delle piccole labbra. Lo specialista si avvalerà di alcuni attrezzi, obbligatoriamente sterili, come quelli citati in seguito:

  • Un pennarello per segnare il punto esatto in cui praticare il foto;
  • Una pinza da piercer con cui delimiterà il punto scelto;
  • Un ago cannula dal diametro giusto;
  • Dei guanti in lattice;
  • Il gioiello che lo stesso specialista sceglierà in base alle vostre caratteristiche fisiche.

Spesso capita di incappare in persone che fanno pratiche di questo genere in luoghi del tutto inadatti, come la propria abitazione. Vi sconsigliamo fortemente di non fidarvi di persone che non possiedono la certificazione ASL e non usano strumenti sterili, anche se i prezzi possono essere molto allettanti.


Quali sono i rischi? Perché farlo?

Al contrario di tanti altri tipi di piercing ai genitali, il piercing alle grandi labbra non ha uno scopo del tutto sessuale. Piercing come il clitoral hood, infatti, provocano un certo piacere sessuale, ma non è questo il caso dell’outer labia.

Quindi, nel caso del labia maggiori, il motivo per cui alcune ragazze decidono di farlo è esclusivamente estetico, così come per l’inner labia piercing (alle piccole labbra).

Per evitare il rischio di infezioni, vi abbiamo già consigliato di rivolgervi solo a degli studi specializzati e certificati. Il personale di questi studi vi illustrerà nel modo più chiaro la cura successiva alla pratica di questo piercing, che impiega un massimo di 6 mesi per la completa cicatrizzazione.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mondopiercing.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons