Loading...

Bridge Piercing: cos’è e quali sono i rischi

piercing brdigeQuando parliamo di bridge piercing, ci riferiamo ad un foro che viene praticato nella parte superiore del naso, dove questo si ricongiunge con la fronte. Si tratta di un foro surface, molto accattivante e che viene scelto soprattutto da chi vuole far risaltare i propri occhi.

In questo articolo analizzeremo le possibilità offerte da questo tipo di piercing, quali sono le cose a cui stare attenti e soprattutto se ci sono delle cose da fare prima, durante e dopo la convalescenza. Vediamolo insieme.

Che cos’è il piercing bridge?

Il piercing bridge viene posizionato sulla parte superiore del naso, quella che occupa la piccola fossetta che lo ricongiunge con la fronte.

Viene inserito dunque un foro in senso orizzontale, che viene poi occupato da un gioiello appropriato, con una chiusura in genere a due palline.

Si tratta di un piercing surface vero e proprio e i problemi collegati a questo tipo di body modification, purtroppo, derivano tutti da qui.


Chi non ci segue, forse non sa che il piercing surface è di gran lunga la tecnica più problematica, per i motivi che andremo a vedere tra pochissimo.

Rischio di rigetto altissimo

Il rischio di rigetto per il bridge è davvero alto. Si parla mediamente del 70% dei rigetti entro il primo anno, con la problematica che questi tipi di rigetto causano in genere. Abbiamo ad esempio il problema delle cicatrici, che sono quasi certe nel caso di rigetto, abbiamo il problema del rendere la zona successivamente impossibile da perforare di nuovo.

Così bello da valere il rischio?

Bisogna comunque riconoscere il fatto che si tratta di un piercing davvero bello, che per molti, dunque, vale sicuramente il rischio di rigetto. Si tratta però di una scelta da ponderare bene, in quanto i rischi che questo avvenga sono alti e una cicatrice, in quella posizione, è particolarmente antiestetica.

Parlatene con il vostro piercer, che vi indicherà come intervenire e soprattutto quale gioiello usare. Si preferisce in genere un “anello a D”, che permette al foro di non spostarsi troppo verso il basso.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mondopiercing.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons